W la movida!

La movida è la protagonista dell’estate. Si può far tardi la sera, quando fa più fresco ed è più facile non pensare al domani, quando il sole illuminerà di nuovo il deserto.
Dopo una gironata passata a caccia di clienti e di lavoro, di un’occupazione più o meno intermittente, a combattere con familiari più o meno incazzati, finalmente la luce del giorno passa e spunta la notte.  Arriva il momento della giornata tanto atteso da milioni di persone nella nostra civiltà occidentale, le lunghe ore nella quali ognuno pensa di poter divertirsi, distrarsi.
D’altra parte si sa che il mondo animale si divide tra esseri diurni e notturni. Nessun’ape si sognerebbe di andare in giro di notte, mentre i pipistrelli approfittano della brezza di terra per pascersi di insetti intrappolati nelle correnti d’aria ascendenti.
Animali specializzati, indubbiamente.
L’Homo sapiens sapiens, questa distruttiva scimmia nuda, ha un prodigioso adattamento.
E la tecnologia lo supporta: notte?, macchè, basta accendere la luce, e si vive due volte.
Col progresso tecnologico e la crescita economica gli uomini della civiltà occidentale possono permettersi di sconfiggere milioni di anni di evoluzione e decidere di vivere due volte, o scegliere di vivere di notte, in permanenza e senza motivi professionali.
Vivere di notte è molto più romantico. Leggi il resto dell’articolo